Descrizione immagine

Giovanni Segantini - Le due madri


Benvenuti nel sito del 'Movimento Antispecista': www.movimentoantispecista.org  

fondato in Monza il 16 febbraio 2001

e-mail: ma@movimentoantispecista.org 

 Sede : Via Principale 11/2A - 20856 Correzzana (MB) - Tel. 039.6065817 

Rappresentante legale: Massimo Terrile (cell. 335.6387679)

N.B.: Il sito precedente 'www.antispec.org' è stato eliminato; si prega di NON inviare più e-mail all'indirizzo 'comunicazioni@antispec.org'

GRAZIE !




Movimento Antispecista 

Presentazione


Fino a quando la "morale corrente", ossia la maggioranza delle persone, continuerà a considerare gli altri esseri viventi degli "oggetti", anziché dei "soggetti" (esseri coscienti e sensibili, a vari livelli, come gli umani), ogni voce a loro favore resterà lettera morta. Per superare tale barriera occorre primariamente che siano conosciute dai più le origini e le conseguenze della cultura specista, affinché riemerga il sentimento rimosso dalla sua imposizione: il rispetto dell'uomo per le altre specie.


 

.Criteri informatori

 

Il razzismo giustifica la lotta tra le specie - e nell'ambito della stessa specie - con il principio pre-morale della selezione naturale. Pertanto, opera una classificazione degli esseri viventi (anche umani) in base al presunto grado di "superiorità", riconoscendo o meno ad essi - arbitrariamente - i diritti alla vita, alla libertà, e all'uguaglianza.

Lo specismo limita tale concetto alle specie diverse da quella umana, ritenendo solo quest'ultima degna di tali diritti, in base ad una concezione esclusivamente antropocentrica.

L'etica aspecista, alla quale il Movimento si informa, nasce dal principio che i diritti alla vita, alla libertà, e all'eguaglianza non possano essere negati ad alcun essere cosciente e sensibile, ossia senziente.

La semplice differenza biologica con altri individui o altre specie non può pertanto costituire pregiudizio al godimento di diritti così fondamentali, pur nell'ambito delle esigenze di ognuno/a di essi/e. È peraltro ormai scientificamente provato che gli animali sono esseri senzienti, che l'uomo non necessita dell'alimentazione carnea, e che le materie prime di origine animale possono essere sostituite da quelle di origine vegetale o inorganica. Pertanto, le tradizioni che sancivano la funzionalità dell'animale all'uomo non trovano vieppiù giustificazione. Ne consegue che l'etica specista potrà essere gradualmente abbandonata. Ciò avverrà tanto più rapidamente quanto più saranno diffuse le opportune conoscenze. Il Movimento Antispecista si informa pertanto, avendoli come fine primario, ai seguenti principi:

 

  1.      Non uccidere, far soffrire o discriminare esseri senzienti.

  2.      Non utilizzare risorse derivanti dallo sfruttamento di esseri senzienti.

 


.Giustificazione del Movimento Antispecista

 

Il Movimento Antispecista ritiene la Dichiarazione Universale dei Diritti degli Animali presentata all'UNESCO il 15 ottobre 1978 un documento a carattere specista, in quanto ammette indiscriminatamente l'uccisione degli animali per l’alimentazione umana, quindi è incoerente con i suoi stessi enunciati. Aderisce alla "Carta 2000" della L.I.D.A. del settembre 1999, che rivendica la parità ed il diritto alla vita di tutte le specie animali.

La causa antispecista non può quindi essere rappresentata da gruppi che si richiamino a tale dichiarazione, ma da soggetti che ne diffondano i principi senza scendere a compromessi, pur nella necessità di procedere per gradi alla modifica della legislazione attuale.

 


In base allo statuto, obiettivo principale del Movimento è la diffusione dell'etica aspecista ed il supporto agli aderenti che ricoprano incarichi statutari in associazioni, partiti o organismi istituzionali, allo scopo di giungere ad una morale corrente tale da permettere la formazione di una legislazione non specista, affinché non vi siano "animali più uguali degli altri".


 

Il Movimento rispetta peraltro il ruolo che ogni associazione animalista si è dato, riconoscendone l'utilità per la difesa della causa comune, e si pone come momento di aggregazione delle istanze sul problema animalista che abbiano come obiettivo l'abolizione dell'uccisione e dello sfruttamento degli animali, ritenendolo non giustificabile, così come per l'uomo.

 

Il presente documento è una sintesi del documento informativo completo, il quale contiene i chiarimenti ai principi informatori, la strategia, l’organizzazione, e lo Statuto. E’ possibile richiedere la versione integrale alla sede del Movimento Antispecista, c/o Massimo Terrile, Via Principale 11 – 20856 Correzzana (MI); tel.: 039.6065817; e-mail  ma@movimentoantispecista.org.                                                                                                                                              (1.09.2014)